Esordio sfortunato a Piazza affari per il jazz club milanese Blue Note, ammesso alla quotazione sul mercato dedicato alle piccole e medie imprese (Aim). Il locale di musica dal vivo di via Borsieri ha infatti chiuso la prima seduta con una perdita del 4,8% rispetto al prezzo del debutto, fissato a 3,12 euro. Il concerto jazz che per l’occasione ha accompagnato la cerimonia del suono della campanella non ha portato fortuna, per ora, al presidente Paolo Colucci e ai due soci che nel 2003 hanno ottenuto la licenza di utilizzo del marchio dello storico club newyorchese del Greenwich Village. 

Il Blue Note si è presentato agli investitori con un giro d’affari di 3,5 milioni e un capitale sociale di 1,4 milioni. In fase di collocamento la società ha raccolto circa 1 milione di euro. Il flottante al momento dell’ammissione è del 39,68% con una capitalizzazione pari a circa 4,5 milioni di euro. La cifra raccolta con l’offerta delle azioni, “comprate da quattro o cinque istituzionali e per il resto da altri affezionati al club”, servirà secondo Colucci a rafforzare la rete commerciale, a duplicare il festival del Forte di Bard in Val d’Aosta e in seguito, dopo l’Expo 2015 e con un partner, ad aprire un nuovo locale a Roma. 

Secondo Colucci, avvocato d’affari appassionato di jazz, si tratta del primo caso al mondo in cui un locale di musica dal vivo sbarca in Borsa. “Siamo i più piccoli del listino milanese, e forse anche d’Europa, ma siamo quelli che fanno più casino”, ha detto il fondatore durante l’incontro a Palazzo Mezzanotte. “Per noi è la fine di un percorso, perché è un anno e mezzo che stiamo pensando a questo progetto che si era fermato per la crisi, e l’inizio di un altro molto ambizioso”. Quanto ai rendimenti attesi, la società è “attenta alla redditività” ma mette tra i propri obiettivi anche “un reddito ‘psichico’, cioè quello intangibile della cultura”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Debito su al 135,6% del pil. Ma per Padoan il problema è l’economia tedesca

prev
Articolo Successivo

Tango bond, il giudice Usa: “Trattate”. Ma per legali argentini “default è imminente”

next