Al centro delle arringhe dei legali di Silvio Berlusconi, imputato nel processo d’Appello Ruby a Milano, c’è la telefonata in Questura, nella notte tra il 27 e il 28 maggio 2010 con cui l’ex premier chiese al capo di Gabinetto Pietro Ostuni di interessarsi a Ruby. “Non ha mai dato un ordine – sostiene l’avvocato Franco Coppi – né ha mai fatto esplicite minacce”. E ancora: “Chi non farebbe fare un piacere al presidente del Consiglio?”  di Francesca Martelli

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ruby, il giudice: “Fuori i giornalisti dalla gabbia. Mi amareggia vedervi lì”

next
Articolo Successivo

Ruby, l’avvocato Coppi scherza: “Sono vecchio, mi farò sostituire”

next