E’ stato dichiarato clinicamente morto Riccardo Bazzurri, il carrozziere di 31 anni, che domenica 6 luglio a Perugia ha sparato ferendo gravemente l’ex compagna Ilaria Abbate, il figlio di due anni e a un’amica della donna, prima di puntare la Beretta calibro 9 contro se stesso per sparare di nuovo. L’uomo non accettava la fine della relazione che si era interrotta da circa un anno. Con un comunicato il reparto di rianimazione dell’ospedale S. Maria della Misericordia di Perugia ha riferito che “alle ore 15 sono iniziate le operazioni di accertamento di morte del paziente sottoposto ad intervento chirurgico alla testa nel pomeriggio di ieri”. “I sanitari – prosegue il comunicato – hanno dato notizia di tale attività ai genitori dell’uomo e alla direzione sanitaria dell’Azienda Ospedaliera di Perugia. I familiari si sono riservati di autorizzare l’espianto degli organi”.

Mentre all’ospedale Meyer di Firenze continua a lottare tra la vita e la morte il figlio della coppia. A quanto apprende l’Adnkronos Salute il piccolo è ancora “gravissimo, in Rianimazione. E’ stato stabilizzato e la prognosi resta strettamente riservata”. A seguire il bimbo sono due team, l’equipe di Neurochirurgia diretta da Lorenzo Genitori e quella di Rianimazione, diretta da Lorenzo Mirabile.

Bazzurri era riuscito a mantenere rapporti civili con la ex compagna 24enne ma nell’ultimo periodo le liti e le discussioni erano aumentate. Ieri mattina Bazzurri ha provato a contattare l’ex compagna al telefono. Lei, però, non ha risposto. Il carrozziere, allora, ha raggiutnoi l’abitazione di lei a Casa del Diavolo (poco lontano da Perugia). Ha con sé un binocolo, secondo il racconto fatto da alcuni vicini e confermato agli inquirenti. Vuole vedere se Ilaria e il piccolo sono in casa. Viene a sapere che mamma e figlio sono a Ponte Valleceppi, a casa dell’amica Ilaria. Le due donne vogliono trascorrere una domenica in piscina. Riccardo raggiunge con la sua auto la villetta di Ponte Valleceppi. Aspetta la ex compagna fuori dal portone. I due litigano ancora. L’amica, allora, esce di casa e invita Ilaria a salire in auto insieme al piccolo. La giovane mamma, però, non fa in tempo a chiudere dietro di sé la portiera. Riccardo spara a lei e al piccolo che tiene in braccio. Poi, rivolge la sua Beretta alla donna che siede alla guida. Quindi, si punta la pistola alla tempia e spara un quarto colpo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Papa Francesco: “Chiedo perdono per gli abusi sessuali commessi dal clero”

prev
Articolo Successivo

Michael Schumacher, società di elicotteri svizzeri dietro furto della cartella medica

next