Non arriverà prima di lunedì prossimo, 7 luglio, la sentenza nel processo sul caso Mediatrade a carico di Pier Silvio Berlusconi, di Fedele Confalonieri e di altri otto imputati nel procedimento con al centro presunte irregolarità nella compravendita dei diritti televisivi. I giudici della seconda sezione penale di Milano, infatti, si sono ritirati in camera di consiglio e hanno comunicato alle parti che non usciranno con il verdetto prima di lunedì.

Per il vicepresidente di Mediaset, Pier Silvio Berlusconi, i pm di Milano Fabio De Pasquale e Sergio Spadaro hanno chiesto una condanna a 3 anni e 2 mesi di reclusione, mentre per Fedele Confalonieri, presidente di Mediaset e accusato anche lui di frode fiscale, l’accusa ha chiesto 3 anni e 4 mesi. In questo procedimento era indagato anche Silvio Berlusconi che è stato prosciolto in fase di udienza preliminare dal gup di Milano. Il non luogo a procedere è stato confermato dalla Cassazione.

Al centro dell’indagine c’erano gli oltre 34 milioni di dollari contestati dalla Procura come appropriazione indebita aggravata, a Berlusconi (prosciolto), Farouk Agrama e i manager. Denaro che veniva depositato sui conti correnti presso l’Ubs di LuganoI giudici hanno spiegato che le parti dovranno prendere contatti con la cancelleria della seconda sezione penale a partire da lunedì mattina e, dunque, la sentenza potrebbe arrivare quel giorno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Yara Gambirasio, Luminol rivela tracce in auto Bossetti. Test per capire se è sangue

next
Articolo Successivo

Vaccini, morti sospette per i militari. Il Tar del Friuli riapre il caso

next