“Dal decreto di domani, mi aspetto una soluzione alla presenza di società che hanno problemi come Maltauro“, spiega l’amministratore delegato di Expo 2015 Giuseppe Sala, che sostiene di non avere gli strumenti per estromettere l’impresa veneta coinvolta nelle indagini sulla “cupola degli appalti“, dai lavori per l’Esposizione Universale “in assenza di una misura interdittiva della Prefettura”. C’è grande attesa per il maxi-decreto che sarà votato domani pomeriggio dal consiglio dei Ministri, per la parte relativa ad Expo, anche dopo le polemiche a distanza tra il governatore Roberto Maroni e il premier Matteo Renzi sui ritardi dei lavori. E sull’Ati, guidata da Costruzioni Pellegrini Srl, che ha chiesto al Tar della Lombardia di revocare l’appalto per le architetture di servizio assegnato da Expo a Maltauro (si tratta di uno dei due appalti vinti), Sala dice: “Non abbiamo mai risposto alla loro lettera (in cui proponevano di subentrare all’Ati Maultauro, ndr), perché dobbiamo capire come regolare i rapporti con Maltauro. Sono a disagio, sapendo che continuano a lavorare. Domani pomeriggio avrò delle risposte”  di Francesca Martelli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Sì a matrimoni gay e ai sacramenti per divorziati”. I cattolici rispondo al Papa

next
Articolo Successivo

Milano, banditi in fuga dai carabinieri uccidono uomo in incidente stradale

next