Uccide la zia 85enne armato di forbici e coltello, poi si costituisce. Accade a Busto Arsizio, in provincia di Varese, dove Simone Impellizzeri, un pregiudicato di 48 anni, è stato arrestato. Secondo le ricostruzioni, avrebbe agito durante un litigio scoppiato nell’appartamento dove viveva Giuseppa Tripi, l’anziana parente invalida e affetta da demenza senile. Poi avrebbe infierito sulla donna perché l’aveva svegliato “disturbandolo con le sue richieste”. 

Il nipote ha spiegato quindi di aver “perso il controllo”. Si è accanito sulla zia, che si trovava sdraiata nel suo letto colpendola circa 80 volte con un paio di forbici e con un coltello da cucina, schiacciandole anche il volto con un cuscino per impedirle di chiamare aiuto. Attorno all’una l’uomo si è presentato al commissariato di Busto Arsizio dicendo agli agenti di aver ucciso la zia, e di volersi costituire. Sulle mani aveva alcuni graffi che si era provocato da solo, mentre accoltellava la donna, e i suoi abiti erano chiazzati di sangue.

Gli agenti si sono recati nell’appartamento e hanno trovato il cadavere della donna nella sua camera da letto, in una pozza di sangue. Il nipote, interrogato dal pm di Busto Arsizio Mirko Monti, è stato portato in carcere, arrestato con l’accusa di omicidio aggravato. Impellizzeri viveva insieme alla zia, sorella di sua madre e proprietaria del bilocale, dal luglio 2013, quando era uscito dal carcere. L’uomo ha alle spalle diversi precedenti per rapina, droga e reati contro il patrimonio.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Angelo Vassallo, una festa mediterranea per non dimenticare

next
Articolo Successivo

Garante Privacy: “Criminalità online è emorragia che costa 500 miliardi di dollari”

next