Domenica 8 giugno ci sarà il ballottaggio tra i due candidati a sindaco del Comune di Rende (in provincia di Cosenza): Marcello Manna, sostenuto da una coalizione di centrodestra, e Pasquale Verre appoggiato dal Pd. E, in vista dell’evento, i due si sono confrontati in un evento organizzato dal giornale locale ‘Il Quotidiano della Calabria‘, durante il quale però sono esplose scintille e accuse reciproche sul clima avvelenato che si respira nella cittadina. Verre, infatti, ricorda subito il drammatico episodio avvenuto una decina di anni fa, quando un folle ha sparato in testa a Sandro Principe (che riportò solo delle ferite), attuale consigliere regonale del Pd e dominus del partito in provincia di Cosenza. Verre – che ha anche chiamato il suo rivale “Marcellino birichino”, chiede quindi di abbassare i toni, perché “qualche cognome ritorna e la sera si vedono personaggi un po’ sospetti”. Insomma, accuse su accuse. “Sei impazzito” risponde Marcello Manna, noto penalista del cosentino il quale parla di “un’emergenza democratica” facendo riferimento al “commissariamento e all’accesso dell’antimafia” nel Comune di Rende. “C’è un disastro economico nei conti del Comune. La classe dirigente degli ultimi 10 anni ha distrutto e annientato Rende. E dietro questa classe dirigente sappiamo che c’è un nome e un cognome”. L’attacco indiretto continua ad essere al consigliere regionale Sandro Principe. Secca la replica di Verre: “L’accesso antimafia è stato voluto da Giuseppe Scopelliti che, abbiamo visto, la fine che ha fatto  di Lucio Musolino

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Quando l’immigrato diventa il capro espiatorio della campagna elettorale

next
Articolo Successivo

Ballottaggio Padova all’ombra del Mose: tra promesse di trasparenza e meno tasse

next