“I vincoli imposti dalla Germania non sono sostenibili sul medio lungo periodo se vogliamo ritrovare la crescita“, il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi la prende alla larga e non parla direttamente del documento di valutazione della Commissione Europea sul nostro paese e poi aggiunge: “La prima cosa da fare è togliere dai vincoli gli investimenti in infrastrutture“. Chi non usa mezzi termini per cavalcare in chiave politica la valutazione della commissione è il governatore lombardo Roberto Maroni, che a margine della riunione degli industriali varesini, ha sottolineato che “non bastano le promesse, temo che in autunno ci sarà una manovra bis anche se Padoan dice di no. Soprattutto le coperture sono messe in discussione e questo sarà un problema serio per il governo”   di Alessandro Madron

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crisi, Squinzi: “Stiamo strisciando sul fondo, non raccontiamoci storielle”

next
Articolo Successivo

Iva, se anche la pubblica amministrazione la evade

next