La scelta della collocazione al Parlamento europeo sta evidenziando le due anime del M5S: da una parte l’euroscetticismo duro e puro, dall’altra le belle battaglie originarie del movimento (ambiente, rinnovabili e così via).

L’incontro tra Beppe Grillo e il discusso leader dell’Ukip Nigel Farage, ha fatto esplodere l’inevitabile contraddizione che cova da tempo all’interno del movimento stesso: c’è chi è disposto a tutto pur di far cadere l’Ue e a distruggere l’odiato euro, e chi ha come priorità la solidarietà sociale, la lotta al cambiamento climatico, la partecipazione dei cittadini alla politica e tanto altro. «Contraddizione» perché l’avversione nei confronti dell’Europa – usata come caprio espiatorio di tutti i mali di questo mondo – non si sposa con il desiderio di cambiarne le regole per rispondere alle principali sfide a cui ci troviamo di fronte: economiche, sociali ed ambientali.

L’euroscetticismo di una parte del movimento è pronto al matrimonio politico con Farage in quanto questo è visto come il fustigatore delle burocrazie europee e il paladino dei popoli oppressi. In realtà la retorica di Farage di brillante ha solo l’accento british, appena sufficiente a nascondere l’assenza di politiche concrete e alcune prese di posizione a dir poco discutibili, come la negazione del cambiamento climatico e l’opposizione ai limiti di stipendio per i banchieri.

 Poi c’è tutta una parte del movimento – speriamo la maggior parte – fatta di attivisti che si sono avvicinati al M5S per portare avanti battaglie come la trasparenza in politica, il parlamento pulito, la lotta al cambiamento climatico, le energie rinnovabile e tanto altro. Migliaia di persone che non vedono l’ora di vedere i 17 eurodeputati pentastellati fare la loro parte per cambiare questa Europa piena sì di contraddizioni ma che, tuttavia, rappresenta l’unica dimensione possibile per rispondere alle sfide globali della modernità.

A breve gli iscritti del movimento voteranno sulla futura alleanza del M5S in Europa. In attesa di vedere quale delle due anime prevarrà, una considerazione è d’obbligo: alla prova dell’Europa i primi nodi vengono al pettine.

@AlessioPisano
www.alessiopisano.com

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Berlusconi non designerà eredi: affondato lui affonderanno tutti

next
Articolo Successivo

Ue, Renzi: “Entro luglio lo sblocca-Italia”. Intanto riscrive l’agenda delle riforme

next