“Farage? Ha contattato lui noi, è un uomo lungimirante rispetto agli altri leader europei”. Così l’esponente del M5S e vicepresidente della Camera Luigi Di Maio, sul leader dell’Ukip, il partito di destra che ha vinto le elezioni europee in Inghilterra. A Napoli per un convegno sulla legalità, Di Maio spiega: “Farage sarà il futuro primo ministro inglese e con lui in Europa faremmo un gruppo federativo. Dovrà comunque essere la rete a decidere se va bene questo gruppo o si preferiscono altre forze europee”. “Ad ogni modo – continua – sarebbe una grande opportunità essere il quarto gruppo in Europa e mettere in discussione le politiche economiche europee, cosa che non vogliono fare i Verdi, che oltre a parlare di pale eoliche osannano la Merkel“. Sulla leadership di Grillo e Casaleggio e su eventuali passi indietro dei due leader dopo la debacle alle europee, Di Maio prima esclude dimissioni dell’ex comico genovese (“non so da cosa dovrebbe dimettersi, al massimo dall’anagrafe come Beppe Grillo”), poi commenta la petizione lanciata su change.org contro di lui: “Conosco molti firmatari dalla Campania di quella petizione e sono del Pd”  di Andrea Postiglione

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lega, Borghezio: “Kyenge in Europa? Ha avuto un gran c…”

prev
Articolo Successivo

Presidenza Commissione Europea, l’inversione a U della Merkel e la mediazione di Renzi

next