Io non conosco l’inglese? Non è vero. Questa storia è veramente una speculazione indegna”. Sono le parole di Gianni Pittella, vicepresidente uscente del Parlamento Europeo e campione di preferenze per il Pd nella tornata delle elezioni europee. Ospite de “L’aria che tira”, su La7, l’europarlamentare sbotta sul celebre video che lo immortala mentre parla in inglese: “A parte il fatto che sono stato presidente di Parlamento e di commissioni che non sapevano l’inglese, perché non è un obbligo conoscere l’inglese. Io l’inglese lo conosco. Due anni fa” – continua – “ho fatto quel video che circola in rete e lì ho sbagliato solo un accento. Un tedesco quando parla l’italiano non sbaglia qualche accento? Non credo che sia la fine del mondo”. E aggiunge: “Sto studiando e da due anni a questa parte ho migliorato il mio inglese. La mattina alle 8 prendo lezioni, ad agosto faccio pure una full immersion di 15 giorni invece di andare in vacanza. Ora basta. Quindici giorni fa ho fatto un dibattito a Londra col ministro degli Affari Europei britannico e l’ho fatto parlando in inglese”. Pittella conclude: “Ora francamente che si debbano fare le pulci… ma andassero a vedere il lavoro che ho fatto nel Parlamento europeo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Europee, dopo “lo sconforto” Alessandro Di Battista cambia verso: “E’ un trionfo”

prev
Articolo Successivo

Europee, Renzi: “Il 40% sia casa nostra”. Su Grillo: “Con Farage senza streaming?”

next