Era stato eletto per il terzo mandato, sindaco muore durante i festeggiamenti. Succede in provincia di Vibo Valentia, dove il primo cittadino Pasquale Landro, riconfermato alla guida del comune di Zambrone, è morto per un infarto poche ore dopo la vittoria. Landro, di 59 anni, era in strada nella frazione San Giovanni a festeggiare con i suoi concittadini, quando ha accusato un malore al petto e si è accasciato. Aiutato dai presenti è stato subito trasportato all’ospedale di Catanzaro, ma è arrivato già senza vita al pronto soccorso. Rete Calabria riporta che Landro aveva riferito di sentirsi stanco e provato dalla campagna elettorale delle ultime settimane, ma ma voleva lavorare ancora per la sua comunità e partecipare ai festeggiamenti in suo onore.

Le elezioni comunali di domenica Landro le aveva vinte alla testa di una lista civica chiamata “Continuità Democratica”. Con 698 voti aveva superato lo sfidante alla carica di sindaco del piccolo comune calabrese Corrado Landolina (469 voti), candidato lista civica Identità e Futuro per Zambrone.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, crollo di un cantiere edile: muore per salvare due operai

prev
Articolo Successivo

Camorra, sgominato clan dei “tatuati”. “Compravamo droga da Genny ‘a carogna”

next