“Non è un piano casa, ma l’ennesimo provvedimento che favorisce gli speculatori e le banche in un momento in cui sempre più persone non riescono a pagare un affitto”. I movimenti di Lotta per la Casa in presidio in piazza Montecitorio a Roma per contestare il Piano Casa del ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi che ha incassato il sì della Camera con il voto di fiducia. L’approvazione del decreto è stata accolta dai cori “Vergogna, vergogna” e dal lancio di uova e arance contro il Palazzo. “L’articolo 5 di questo vergognosa legge – dice un attivista – nega la residenza a chi vive nelle occupazioni e prevede il distacco di acqua e luce”. Dopo il presidio, i manifestanti hanno sfilato per le vie del centro di Roma in un corteo spontaneo scandendo slogan contro il ministro dell’Interno che nella stessa giornata ha presentato il Piano per Roma Sicura annunciando una stretta sui cortei  di Annalisa Ausilio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Amnesty International, nuova campagna per lo stop alla tortura

prev
Articolo Successivo

Omo-transfobia: alcune questioni sulla lotta

next