Dagli archivi di una cooperativa di giornalisti liguri riemerge l’ultima intervista rilasciata da Enrico Berlinguer, poche ore prima di andare a Padova dove sarà stroncato da un malore. Un documento quasi sconosciuto e straordinario. Siamo a Genova, il leader Pci è impegnato nei comizi in vista delle elezioni europee del 1984. Parla di un’Europa che deve essere politica, prima che economica, ricorda le piaghe della corruzione, della P2, dell’evasione fiscale. Ad ascoltarlo vengono i brividi: si riconosce il suo volto stanco, provato. Ma il leader comunista non si sottrae alle domande, quasi volesse lasciare un messaggio. E dimostra ancora una volta una lucidità straordinaria. Sono passati trent’anni, ma sembra di essere oggi: i problemi dell’Italia sono gli stessi. Domani sul Fatto del Lunedì l‘intervista integrale di Teresa Tacchella

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Renzi ammonisce Berlusconi e Grillo: “Su Hitler non si scherza”

prev
Articolo Successivo

Elezioni 2014, Berlusconi contro Grillo: “È un pazzo, lo votano i disperati”

next