L’autista del pm Antonio Rinaudo, “vittima” di un aggressione da parte di ignoti venerdì 11 aprile è indagato per simulazione di reato. Secondo i pm l’uomo avrebbe inventato tutto, perfino la frase “Servo dei servi dei servi” che gli sarebbe stata riferita dai presunti aggressori, una frase che aveva fatto pensare subito a una motivazione politica, ai No Tav e agli anarchici.

Questa mattina Giuseppe Cangiano è stato convocato, in veste di indagato, dal procuratore capo vicario di Torino Sandro Ausiello per un interrogatorio. Il pm gli ha spiegato il quadro di indizi emersi in queste settimane di accertamenti e l’uomo, accompagnato dal suo avvocato di fiducia, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Dopodiché dalla procura è partito l’avviso di conclusione delle indagini per simulazione di reato.

Da subito gli investigatori hanno avuto dei dubbi sulla vicenda, anche lo stesso pm Rinaudo che quella sera era andato al pronto soccorso per sincerarsi delle condizioni di salute del suo autista. Il pm Ausiello, che ha avocato a sé l’indagine, ha invece sempre affermato di voler indagare a 360 gradi. Nel corso dell’inchiesta sono stati sentiti dei testimoni che hanno affermato di non aver visto e sentito niente. Né c’erano immagini che potessero documentare l’aggressione che sarebbe avvenuta in un luogo privo di telecamere di videosorveglianza. I sospetti sono stati poi consolidati dalla consulenza del medico legale Roberto Testi, secondo il quale non c’è una congruenza tra la descrizione dell’aggressione e il tipo di ecchimosi, troppo superficiali e leggere per essere state provocate da tre persone. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Aldrovandi, sindacato polizia Ue: “Applausi ad agenti condannati? Solo un saluto”

prev
Articolo Successivo

Notte dei musei 2014, Colosseo sarà aperto. Trovato accordo con i sindacati

next