Il 19 maggio prossimo Il Corriere della Sera diffonderà un numero speciale del giornale di 28 pagine. Il prodotto sarà poi distribuito gratuitamente a 20 milioni di famiglie italiane e al suo interno saranno raccolti decine e decine di esempi che dimostrano quanto i nostri connazionali provano a scacciare la crisi. “L’Italia che ce la fa” è infatti il titolo dell’operazione, ma è anche un progetto che tenta di riportare un po’ di serenità dalle parte di via Solferino. “Il nostro giornale sta riflettendo su di sé e sul suo futuro – conferma il vicedirettore Barbara Stefanelli –  ma secondo me ci possono essere ancora più opportunità che minacce”. Del resto la crisi di raccolta pubblicitaria è confermata da Raimondo Zanaboni, direttore delle inserzioni di Rcs Mediagroup: “Non si registra ancora un’inversione di tendenza della raccolta, ma queste iniziative indubbiamente possono servire”. “Se non altro – termina Nicola Speroni, responsabile Sistema Corriere della Sera – riavvicinerà i lettori alla nostra testata”  di Fabio Abati

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Appello Siae e le 500 firme eccellenti. Solo criteri economici?

prev
Articolo Successivo

L’Unità, mercoledì i soci vanno a consulto sulla liquidazione dell’editrice

next