Giuseppe Civati presenta a Bologna i candidati della sua mozione per le elezioni europee del 25 maggio. Ne ha soprattutto per Beppe Grillo: “Lui dice di non essere né di destra né di sinistra: di solito chi dice è così è di destra”. Poi il parlamentare lombardo del Partito democratico rincara la sua dose: “Bisogna recuperare un’articolazione della politica italiana, che per me è fatta da destra e sinistra. A un certo punto anche Grillo dovrà scegliere dove andare a cercare i voti: in questa campagna elettorale li cerca nella radicalità del rifiuto all’Europa, ma anche un po’ nel centrodestra per il tramonto di Berlusconi. Se si colloca lì sarà lui la nuova destra, però deve scegliere”. Poi profetizza il ritorno alle urne: “Secondo me si voterà nel 2015”  di David Marceddu

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Europee, le geometrie di Alfano: “Apprezzi il governo ma non sei di sinistra? Vota Ncd”

next
Articolo Successivo

Salvini chiude a Roma il Basta Euro tour Borghezio: “Referendum M5S? Stronzata”

next