“La corruzione fa parte del male del mondo, c’è sempre il pericolo che risorga. Noi non dobbiamo mai abbassare la guardia”. Questo è l’appello fatto dal segretario di Stato vaticano Pietro Parolin, riguardo l’inchiesta che coinvolge i vertici di Expo 2015. “Dobbiamo raddoppiare i nostri forzi per combatterla, per assicurare trasparenza e comportarci bene”, ha aggiunto ai margini di un appuntamento al Salone del Libro di Torino che quest’anno ha la Santa Sede come ospite d’onore.

Per Parolin i vent’anni trascorsi da Tangentopoli comunque “sono serviti”, perché “c’è stato un impegno che è entrato nelle coscienze. Finché esiste il mondo – ha aggiunto – il male continua ad avere i suoi effetti. Questo non per giustificare la corruzione, ma per dire che è una realtà umana e non dobbiamo mai abbassare la guardia”.

Il cardinale ha detto di ritenere che l’impegno della Santa Sede per l’Expo 2015 continuerà “anche perché il tema dell’alimentazione ci interessa e ci riguarda direttamente, ed è un tema che sta molto a cuore anche al Papa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Monza-Brianza, precipita un aereo biposto: muoiono due persone

next
Articolo Successivo

Milano, direttrice d’asilo ai domiciliari per schiaffi e bestemmie ai bambini

next