Quaranta persone coinvolte, decine di perquisizioni e 17 indagati per il blitz che un gruppo di writers fece il 20 aprile del 2013 nella metropolitana milanese. Gli indagati devono rispondere vario titolo per i reati di resistenza a pubblico ufficiale aggravata, interruzione di pubblico servizio, violenza privata aggravata, imbrattamento e associazione a delinquere.

Nel corso dell’assalto il gruppo aveva terrorizzato i passeggeri del vagone, fra cui anche alcuni bambini, con grida inneggianti a un “attentato” e aggredito il conducente del treno che aveva tentato di bloccarli e di rimettere in marcia il treno. All’uomo, colpito a una tempia con una bomboletta, era stata spruzzata della vernice sul volto e sugli occhi.

Il Servizio Informativo Operativo della polizia di Milano è potuto risalire alle 9 persone che facevano parte del commando tramite un video girato dagli stessi writers. Le immagini mostrano i ragazzi, mascherati da passamontagna, mentre bloccano il convoglio della linea 2 della metropolitana alla stazione di Villa Fiorita, ativano i comandi di emergenza delle carrozze e manomettono le porte del vagone, per imbrattare quasi interamente la fiancata del convoglio.

L’inchiesta è affidata ai pm Elio Ramondini, Riccardo Targetti e al pm dei minori Annamaria Fiorillo in quanto risultano indagati anche alcuni minorenni. I ragazzi inoltre sono sospettati di altri tre imbrattamenti a danno di convogli della metro, avvenuti tra il 2012 e il 2014.

Nel corso delle perquisizioni eseguite a Milano, Genova, Torino, Lecce e Roma è stato trovato molto materiale, come passamontagna, bombolette spray e vernici, per realizzare tag e graffiti. Sequestrati anche alcuni filmati che ritraggono le “imprese” di diverse crew di writers che operano a Milano. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Costa Concordia, ha ceduto il primo cassone per la rimozione

prev
Articolo Successivo

Ilva, Anonymous oscura il sito: “Colpevoli hanno avvelenato coscienze e corpi”

next