No, non è a me che dovete dire che esistono sbirri buoni e sbirri cattivi. Sono cresciuta in una terra in cui i buoni venivano spesso ammazzati, esiliati, retrocessi mentre ad essere premiati erano quelli impegnati in depistaggi, collusioni, varie complicità con poteri mafiosi e politici.

Sono cresciuta nella terra in cui gli sbirri che tentavano di vederci chiaro, e che a modo proprio raccontavano un’altra versione delle cose, facevano la fine che fece tal vicequestore Giuseppe Peri negli anni ’70, nella vicenda di Montagna Longaliquidato come pazzo, retrocesso, trasferito e morto di infarto due anni dopo. In quella storia si parla anche di eversione nera e mafia, uno scenario all’epoca ritenuto improbabile ma poi raccontato in seguito da chi a lungo ha provato a capirci un po’ di più.

Dopo 40 anni dal disastro lo storico Giuseppe Casarrubea ha raccontato che “quel pomeriggio, c’era un’esercitazione della Nato sui cieli siciliani”. Ancora oggi i parenti chiedono la riapertura dell’indagine perché vogliono sapere e nel frattempo è venuta fuori anche una foto in cui compaiono, nell’ala dell’aereo, dei fori che sembrano di proiettile. Quei colpi potrebbero essere venuti anche da terra, si è scritto, perché nel 1973 Peppino Impastato ha portato alla luce come “sopra Cinisi c’era un campo paramilitare gestito da alcuni esponenti della destra eversiva” e Casarrubea ha raccontato come “in quell’anno, la Sicilia pullulava di fascisti. Un fascismo provocatorio ed eversivo su cui ancora molto c’è da scrivere.”

I fatti sono questi: il 5 maggio 1972 un aereo esplode e cade su Montagna Longa, a Palermo, e nessuno sopravvive. La faccenda viene archiviata come incidente aereo e nonostante alcune incongruenze, testimonianze, dettagli ricostruiti negli anni da familiari delle vittime e da alcuni giornalisti, tutto viene addebitato al classico errore umano. Pessima figura per i piloti morti, descritti come tossici o ubriachi, anche se le perizie non dicono esattamente questo. Scatole nere danneggiate. Corpi disintegrati. Il rapporto di questo vicequestore viene ritrovato dopo vent’anni. I figli delle vittime sono equiparati dalla Regione Siciliana agli orfani delle vittime di mafia e ancora, comunque, niente di nuovo viene fuori.

Succede che ogni 5 maggio i parenti delle vittime facciano una scarpinata e raggiungano il luogo in cui all’epoca si schiantò l’aereo, in un disastro in cui morirono 115 persone. Tra qualche giorno sarà il 5 maggio e io, sebbene non sia incline ad accreditare tesi complottiste, vorrei dedicarlo a questo mistero mai chiarito, ai familiari delle vittime e a questo sbirro buono che per aver toccato di striscio le trame dell’eversione nera ancora oggi, forse, per qualcuno, resta comunque un pazzo.

Dedico il 5 maggio anche agli sbirri che scambiano le persone per zainetti, che sono forti con i deboli e deboli con i forti e che godono di un’impunità morale, etica, e di una legittimazione che ai poveri cristi senza casa e reddito che sfilano nelle piazze per rivendicare diritti non viene concessa mai.

Ero a Palermo nel 1992 quando la gente in piazza solidarizzava con le vittime delle stragi di mafia. Ero a Genova, nel 2001, quando tante persone prendevano botte in piazza e alla Diaz. Fuor da ogni retorica e ogni ridondante ragionamento proposto da certi politici e intellettuali a me è chiarissimo dove sta la versione equilibrata della storia. E a voi?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaticano, commissione anti pedofilia: “Garantiremo esercizio responsabilità”

next
Articolo Successivo

Finale Coppa Italia, spari contro tifosi del Napoli: uno grave. Fermato ultra Roma

next