Sequestrati 235 chilogrammi di cocaina purissima nel porto di Gioia Tauro, in provincia di Reggio Calabria. La droga è stata trovata in due container che trasportavano banane provenienti dall’Ecuador, dai militari della Guardia di finanza insieme ai funzionari dell’Ufficio antifrode di Gioia Tauro dell’Agenzia delle dogane.

Alla scoperta della cocaina si è giunti attraverso una serie di incroci documentali e controlli di container sospetti, con l’utilizzo di apparecchiature scanner. Secondo le fiamme gialle, la cocaina sequestrata avrebbe fruttato, con la vendita al dettaglio, circa 47 milioni di euro.

L’attività della Guardia di Finanza, in sinergia con l’Agenzia delle Dogane, si inserisce nell’ambito della più generale intensificazione delle attività di controllo finalizzate al contrasto del traffico di sostanze stupefacenti nel porto di Gioia Tauro che ha portato complessivamente, dall’inizio dell’anno, al sequestro di oltre 655 kg di cocaina. Negli ultimi 10 mesi il quantitativo di cocaina sequestrato dal Comando provinciale di Reggio Calabria della Guardia di finanza è stato, complessivamente, di oltre una tonnellata e duecento chilogrammi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pescara, si chiude in auto con la figlia e dà fuoco al mezzo: morti entrambi

next
Articolo Successivo

‘Ndrangheta, Nicola Pignatelli arrestato a Santo Domingo. Era latitante dal 2011

next