Ha aggredito la compagna incinta, picchiandola anche sulla pancia e lanciandole contro suppellettili, coltelli da cucina e dell’acido muriatico che la donna ha evitato.  È quanto è successo, secondo le ricostruzioni delle forze dell’ordine, la scorsa notte ad Anzio, sul litorale di Roma. L’uomo, un italiano di 38 anni, è stato arrestato dai carabinieri. È accusato di lesioni personali, rapina aggravata e resistenza a pubblico ufficiale.

L’allarme ai militari della Compagnia di Anzio è stato dato da alcuni vicini che hanno sentito le urla della lite tra i due. I carabinieri, una volta arrivati sul posto hanno bloccato a fatica l’uomo, già noto alle forze dell’ordine, che è stato portato nel carcere di Velletri. La donna ha raccontato che il compagno l’aveva costretta a dargli 50 euro per comprarsi della cocaina, che aveva poi consumato davanti a lei in casa. Quindi, secondo quanto si apprende, è scoppiata la lite per motivi banali e l’uomo ha aggredito la compagna. La donna, 37 anni, è stata ricoverata con un trauma cranico e diverse contusioni. Ha avuto 21 giorni di prognosi. Secondo le prime analisi non rischierebbe di perdere il bambino.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Marco Pannella in video dopo l’operazione: “Non potevo ‘disobbedire’ al Gemelli”

prev
Articolo Successivo

In memoria di Carlo, un giovane assassinato: #unalberopercarlo

next