Un anno fa, Alice Cimini, esperta di comunicazione, e il suo compagno Carlo Crudele, vignettista, traduttore e appassionato di web, dovevano partire per un viaggio in America. Ma, prima di fare le valigie, avevano un problema importante da risolvere: a chi affidare i loro due gatti mentre erano lontani? Sotto allora con le ricerche online, gli annunci, le telefonate. È una situazione in cui prima o poi si sono ritrovati tantissimi proprietari di animali domestici. Tutti quelli che non hanno la fortuna di avere un vicino di casa generoso, o qualche parente disposto a fare da pet-sitter.

Da questa esperienza di vita nasce www.petme.it, il primo social petwork. Non è come sembra: non si tratta di un Facebook per quattro zampe in cui postare fotografie di Fido. Per quello basta e avanza il Facebook originale. PetMe, invece, è una piattaforma che mette in contatto proprietari di animali domestici e pet-sitter. Una vetrina professionale per chi si occupa di animali per passione o a tempo pieno e un aiuto notevole per chi deve allontanarsi per brevi periodi, che sia per lavoro o per piacere. Il servizio non è pensato solo per cani e gatti, ma anche per roditori, rettili e altri piccoli animali, e si basa su un semplice principio di geolocalizzazione, come filtro di partenza per la ricerca. Una volta trovati i pet-sitter più vicini, si studia il loro profilo, la loro esperienza, la disponibilità per il periodo necessario, il costo.

Naturalmente, c’è la possibilità di valutare i pet-sitter, di raccomandare i migliori ad altri utenti, mettendo in contatto la domanda con l’offerta. E mentre il padrone è via, PetMe fornisce un’assicurazione gratuita, per stare più tranquilli. Presto si attiveranno altri servizi utili, come assistenza veterinaria, un registro delle strutture turistiche che accolgono gli animali, e un’app per smartphone.

PetMe è nato ufficialmente lo scorso 18 marzo, e conta già su più di 1000 iscritti. Un dato che riflette una tendenza sempre più pet-friendly. Più di un italiano su due ha un animale domestico. Il 55,3%, secondo l’Eurispes. L’esigenza di un marketplace affidabile, dedicato al pet-sitting, è ben più di un capriccio, quindi: e si è tradotto in uno strumento professionale e in un’opportunità imprenditoriale. Il sito è il primo mattone di un grande progetto che coinvolgerà strutture veterinarie e alberghiere. Per permettere a chi viaggia di portare il proprio animale con sé, e quando non è possibile, di metterlo in mani sicure.

PetMe ha già attirato l’attenzione di investitori stranieri. Infatti la sede legale è a Londra, presso la Petwork LDT, anche se lo sviluppo e la gestione della piattaforma rimangono in mani italiane.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Identità nazionale, cultura e paura

next
Articolo Successivo

Berlusconi ai servizi sociali, l’opportunità di capire i cittadini alle prese con la Sanità

next