E’ stato il debutto dei blu-bloc: la nuova versione dei black-bloc, ovvero dell’avanguardia dura dei movimenti. Sopra felpe e vestiti neri – che da sempre hanno reso riconoscibile l’avanguardia più intransigente dei movimenti – hanno indossato impermeabili blu e azzurri, k-way con il cappuccio alzato per rendersi irriconoscibili alle forze dell’ordine ma essere visivamente compatti nella massa del corteo. I blu-bloc, sempre in testa al corteo per il diritto alla casa a Roma, hanno fatto il loro vero debutto a via Veneto dove sono scoppiati gli scontri più violenti con le forze dell’ordine ai quali sono seguite le cariche. Da quel blocco blu è partito il lancio di bottiglie, petardi, pietre contro i blindati, dal blocco blu sono volante arance contro i ministeri. Poi, una volta finite le azioni, via i k-way lasciati in terra lungo tutta via del Tritone nel corso della “ritirata”.

“Sfidiamo i poliziotti, indossiamo i loro stessi colori”, dicono i nuovi blocker. E infatti su alcuni impermeabili e k-way, la stragrande maggioranza acquistati in un noto magazzino di articoli sportivi a poco prezzo, campeggiavano i simboli del Reparto Mobile: simboli in alcuni casi contraffatti e in altri casi veri, forse “trofei” di precedenti scontri. Del resto al G20 di Toronto nel 2010 gli anarchici chiamavano blue-bloc i poliziotti dei reparti antisommossa canadesi che usarono metodi particolarmente coercitivi per fermare la violenza dei black-bloc come ad esempio arresti che furono considerati “illegali”. “A Toronto durante il G20 ci sono stati due blocchi: quello nero ha distrutto le vetrine, era protagonista di una rivolta, e poi quello blu che ha distrutto persone”, dissero i legali dei dimostranti arrestati.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Suora mamma, Cassazione le ridà la figlia. In 200 manifestano per genitori affidatari

next
Articolo Successivo

Scambio di embrioni al Pertini di Roma. Donna incinta di due gemelli non suoi

next