Venti studenti fra i 14 e i 17 anni sono stati feriti in un liceo nell’area di Pittsburgh in Pennsylvania. Ad aggredirli con un coltello è stato un altro studente di 16 anni. Il ragazzo è stato fermato e interrogato dalla polizia, che non ha ancora reso noti i motivi del gesto. Le forze dell’ordine stanno indagando su presunte minacce telefoniche a un compagno di scuola nella notte di ieri.

L’attacco è avvenuto nella Franklin Regional Highschool di Murrysville. Secondo la ricostruzione di Dan Stevens, portavoce dei servizi di emergenza della contea, molti dei feriti, sono stati colpiti alle gambe o alle braccia. L’attacco, spiega, è avvenuto all’ingresso del liceo e in diverse classi prima che le lezioni iniziassero, verso le 7.20 di mattina, ora locale. È stato il vice preside della scuola a fermare ed immobilizzare l’aggressore che, armato di due coltelli, ha aggredito e ferito i compagni.

feriti sono stati trasportati in ospedale in elicottero, fra loro c’è anche un adulto, una guardia di sicurezza della scuola. Non tutti sono stati colpiti nell’aggressione, hanno spiegato le forze dell’ordine, alcuni sono stati feriti dalla calca seguita ai fatti. Quattro studenti risultano essere in gravi condizioni, hanno ferite al busto, al petto, all’addome e alla schiena. “Hanno riportato ferite classificate come potenzialmente mortali”, spiega Chris Kaufman del Forbes Regionale Hospital, dove sono stati ricoverati alcuni dei ragazzi, “ma si prevede che sopravviveranno”. Due degli studenti sono in sala operatoria mentre uno è in attesa di essere sottoposto a intervento chirurgico.

Dopo l’allarme scattato nel liceo, sono state cancellate le lezioni anche nelle scuole medie ed elementari che si trovano nello stesso campus che ospita in tutto 3600 studenti. 

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Filippine: e se l’ambasciatore Daniele Bosio fosse innocente?

next
Articolo Successivo

Virus Ebola, aumentano i decessi in Africa. Ora l’epidemia spaventa l’Europa

next