Esattamente 6 mesi fa, il 3 ottobre del 2013, si consumava a Lampedusa la strage di centinaia di donne e di uomini morti annegati, mentre tentavano di scappare dalle guerre, dalle carestie, dalla disperazione. Prima di loro e, dopo di loro, altre decine di persone hanno fatto la stessa fine. Ad ammazzarli non solo un destino infame, ma anche e soprattutto il cinismo di chi sfrutta il commercio di carne umana e di chi, l’Italia in testa, ha costruito le sue fortune elettorali sulla paura della diversità, sulla esclusione sociale, su leggi inefficaci e violente che prevedevano persino la denuncia a carico di eventuali soccorritori non autorizzati.

Per fortuna non ci sono solo costoro, ma anche donne e uomini che costruiscono ponti, tutelano i diritti, promuovono iniziative, tra questi quelli del Comitato 3 ottobre che hanno lanciato sulla piattaforma Change.org, una raccolta di firme per chiedere alle istituzione di fare di quella data la “Giornata nazionale della memoria e dell’accoglienza”.

Non solo una data per ricordare chi non c’è più, ma anche un modo per contrastare razzismo e cinica indifferenza. Tra i tanti modi possibili di ricordare quelle centinaia di persone travolte dalle acque a Lampedusa e non solo, c’è anche quello di mettere una firma sotto questo appello.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

‘Educare alla diversità’, chissà che Milano non canti fuori dal coro

prev
Articolo Successivo

L’Afghanistan che verrà: intervista alle donne del Progetto Jamila a Kabul

next