Mentre ad Amsterdam c’è il quartiere a luci rosse con le ragazze in vetrina, in Italia le lucciole sono agli angoli delle strade, nascoste dietro un sito di incontri oppure alle feste di qualche politico. L’onorevole Razzi ha lanciato una proposta non nuova: “riaprire le case chiuse”. Anche se lui ha detto che bisogna farlo (anche) per migliorare la circolazione stradale, visto che i clienti delle prostitute con il loro andirivieni e fermarsi a contrattare intasano arterie importanti delle nostre città. Ma qual è lo stato dell’arte della prostituzione in Italia?

Seguimi su www.natangelo.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Sud: Farinetti sbagli, ecco perché

next
Articolo Successivo

Sardegna: in Gallura finalmente un Procuratore contro l’illegalità

next