Mentre ad Amsterdam c’è il quartiere a luci rosse con le ragazze in vetrina, in Italia le lucciole sono agli angoli delle strade, nascoste dietro un sito di incontri oppure alle feste di qualche politico. L’onorevole Razzi ha lanciato una proposta non nuova: “riaprire le case chiuse”. Anche se lui ha detto che bisogna farlo (anche) per migliorare la circolazione stradale, visto che i clienti delle prostitute con il loro andirivieni e fermarsi a contrattare intasano arterie importanti delle nostre città. Ma qual è lo stato dell’arte della prostituzione in Italia?

Seguimi su www.natangelo.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sud: Farinetti sbagli, ecco perché

prev
Articolo Successivo

Sardegna: in Gallura finalmente un Procuratore contro l’illegalità

next