La Direzione Investigativa Antimafia di Bologna ha sequestrato beni mobili ed immobili per un valore complessivo di oltre 5 milioni di euro, riconducibili all’imprenditore quarantottenne Girolamo Conte, pregiudicato di origine pugliese, residente in provincia di Modena. Sono stati sequestrati: capitale sociale e intero compendio aziendale della ‘Hammer srl’ con sede in Modena e dedita alla costruzione di edifici residenziali; capitale sociale e intero compendio aziendale della ‘White Queen srl‘ con sede in Modena e dedita al noleggio di autovetture; decine di beni immobili, autovetture e diversi rapporti finanziari.

A carico di Conte, nel provvedimento appena eseguito, tra l’altro si legge: “Conte ha commesso reati associativi gravi a scopo di lucro (di stampo mafioso e in materia di narcotraffico e armi) per tutto il quadriennio ricompreso tra il 1990 e il 20.07.1995, interrompendoli per effetto della misura cautelare in carcere che attingeva anche i suoi sodali”. Conte è stato destinatario della misura di prevenzione della sorveglianza speciale nel 2003 (revocata nell’aprile del 2006). Gli accertamenti patrimoniali svolti dalla D.I.A. di Bologna hanno interessato anche i familiari e i conviventi di Conte. Tra le motivazioni della sentenza che ha permesso il sequestro vi è la sproporzione fra il tenore di vita e i redditi conseguiti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Variante valico, la frana minaccia anche la stazione della strage dell’Italicus

next
Articolo Successivo

Spending review, basta sprechi e più trasparenza sui costi della Difesa

next