Meno tasse finanziate con meno spese: è la ricetta giusta, è la nostra ricetta, è la ricetta del Ncd”. E’ entusiasta Angelino Alfano, leader di Ncd e ministro dell’Interno, il giorno dopo la conferenza stampa del premier Matteo Renzi. “Ncd – spiega dalla sede del suo partito – rivendica con forza di aver preso parte al programma, abbiamo ottenuto uno slancio, un turbo sui pagamenti delle Pa, mentre il fatto che la riduzione vada ai lavoratori dipendenti non significa che il beneficio sia solo loro”. Poi Alfano assume toni da piena campagna elettorale: “Vogliamo dirlo a tutti gli elettori del centrodestra: vi sono partiti di centrodestra all’opposizione che diranno no alla diminuzione delle tasse e a tante altre cose. Noi, invece, diciamo sì alla riduzione tasse, abbiamo chiesto e ottenuto importante segnale su Irap, un’imposta ingiusta e sbagliata”. Il ministro dell’Interno poi attacca il partito di Silvio Berlusconi: “Forza Italia si schiera ufficialmente contro la diminuzione delle tasse. E’ evidente – aggiunge – che il taglio di 10 miliardi di euro della spesa farà rimanere male qualcuno”  di Manolo Lanaro

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Governo, Vendola (Sel): “Sosteniamo Renzi, ma drasticamente negativo sull’Italicum”

prev
Articolo Successivo

Fucksia: “Mi sento dell’M5S”. Cecconi: “Non sarà espulsa, solo un chiarimento”

next