“Un piano per la casa che agevola le banche e i costruttori ma non i precari, gli immigrati e i disoccupati, dove non si prevede nessuna risorsa per l’edilizia popolare connessa al reddito”. Così Paolo Di Vetta, il leader del movimento per la casa sceso oggi in piazza contro il governo Renzi, in un sit-in a Montecitorio. “Il provvedimento varato dal ministro Maurizio Lupi contiene inoltre una norma che prevede di staccare gli allacci di luce e gas nelle case occupate, di non concedere la residenza a chi ci abita, ed è una norma retroattiva, cioè annulla anche le situazioni legittimate dal prefetto” aggiunge ancora Di Vetta. “Nessuna delle nostre proposte è stata accolta, in più troviamo questa sorpresa, vuol dire che facciamo paura per la mobilitazione avviata negli ultimi mesi, però la nostra reazione sarà dura” annuncia il portavoce del movimento  di Irene Buscemi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Suicidio assistito Regno Unito, entro quattro mesi il voto della Camera alta

prev
Articolo Successivo

Fecondazione, la vittoria di Beth: congelato fino al 2060 il seme del marito morto

next