“Scrissi qualche anno fa questa guida, ora per gran parte è inutilizzabile: al turista spesso non resta altro che guardarsi le foto da un libro”. Pochi giorni dopo l’ennesimo crollo, Antonio Irlando, architetto e presidente dell’Osservatorio Patrimonio Culturale, ci accompagna per le strade e le domus del sito archeologico più grande al mondo. O di quel che ne resta, tra intonaci caduti e sparsi sul suolo, muri pericolanti, cantieri aperti anni fa e mai chiusi. Come la Casa dei Vettii, una delle più importanti di Pompei, chiusa per lavori da 11 anni e dove la pioggia mette in serio pericolo gli splendidi affreschi, o la Casa di Cecilio Giocondo, oggetto di intervento con fondi Por e mai riaperta, dove il mosaico dell’atrio quasi non si vede più, aggredito dal muschio. In una Domus non ha retto neppure la staccionata che dovrebbe impedire l’accesso al pubblico: nel cortile interno pezzi di stucco colorato franati e dipinti esposti alle intemperie. Mentre passeggiamo comincia anche a piovere: “Incrociamo le dita – dice Irlando – altra pioggia qui significa altri danni. Spero davvero che al più presto si ponga fine a questo sterminio di identità del nostro Paese”  di Andrea Postiglione

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lecco, tre bambine uccise a coltellate. La madre confessa: “Le ho uccise io”

prev
Articolo Successivo

Cuccioli di Iena: “Sindrome X-fragile, troppi portatori sani per essere malattia rara”

next