Per qualche strano motivo, da quando una donna incinta è stata nominata ministra, la parola “gravida” ha iniziato a fare rima con gravosa. Il caso di Marianna Madia, suo malgrado, è diventato tanto interessante quanto il suo stato. Così interessante da rendere doverosa una riflessione: se tutti i media dedicano più spazio a una donna incinta che diventa ministra, piuttosto che a una donna incinta che diventa disoccupata, c’è un problema.

La mia riflessione racconta di tutte quelle gravidanze davvero gravose, che nulla hanno a che fare con la neo ministra e i suoi illustri predecenti. Sono le gravidanze silenziose vissute la mattina presto tra una metro affollata e un autobus che non arriva mai, tra un cartellino da timbrare e un asilo che non ti accoglie, tra un contratto a progetto e una maternità senza alcun progetto. Sono le gravidanze che incontro nel mio blog, www.genitoriprecari.it, quelle vissute fuori casa dalla mattina alla sera, con i progressi di un figlio raccontati dagli occhi di un’altra, che se lo godrà più di te.

Sono le gravidanza precarie, quelle dai mille lavori e dai mille euro al mese, quelle senza nonni e senza baby sitter, quelle senza titoli sui giornali, quelle che scaldi il pasto la mattina presto, anzi i pasti, perché già sai che rincaserai troppi tardi. Sono le gravidanze banali, di chi si da il cambio tra mamma e papà, come in una staffetta in cui ti eri illusa che avreste corso in tre. E invece, per necessità di tempo e lavoro, tutti e tre in casa non ci starete mai. Le gravidanze di chi rivendica non solo il diritto alla maternità garantita, ma persino il più banale e fisiologico diritto ad avare la pancia subito dopo il parto. Già, perché tra super star, super attrici e super veline, più neanche questo ci è concesso. E i modelli che arrivano dell’esterno, su tutte noi mamme banali, hanno delle ricadute. Un po’ come è stato per le famigerate immagini della parlamentare europea Licia Ronzulli , che volevano farci credere quanto è possibile per una neo mamma conciliare vita e impegni. Peccato che nella vita reale è categoricamente escluso che una donna possa portare il figlio sul posto di lavoro.

E allora non domandatevi se Marianna Madia ce la farà. Lei per sua fortuna ce la farà: avrà vantaggi e privilegi, un autista e più tate che la seguiranno ovunque, tanto da riuscire a godersi figlio e lavoro. Perché nell’assurdo gioco delle privazioni, rinuncia chi non ha, mentre chi ha può anche comprarsi il diritto a stare con i proprio figli. Domandatevi, invece, se ce la faranno le gravidanza precarie e banali e quale sarà il peso sociale di una donna licenziata perché incinta, nel paese che ha nominato una ministra incinta.

Il problema reale non è Marianna Madia ministra incinta, perché nel resto d’Europa questo non scandalizza nessuno. Il problema è che nel nostro pezzo d’Europa, non scandalizza tutto il resto. L’unica verità che la storia di Marianna Madia forse ci insegna è che, se dovesse tornare a lavoro subito dopo il parto, ci troveremo di fronte all’ennesima delegittimazione del diritto alla maternità: non la sua, ma quelle delle donne banali. Per loro non ci sarà il diritto a comprare il tempo speso con i propri figli, ma solo il paragone insostenibile con donne che possono tutto solo perché hanno tutto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Violenza sulle donne, un problema per 62 milioni di europee

prev
Articolo Successivo

Donne: ministra, una parola bellissima

next