Il primo comitato era stato di fatto bocciato lo scorso dicembre dopo l’accoglimento da parte del Tar del ricorso di Davide Vannoni. Oggi il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, proprio in esecuzione del provvedimento dei giudici amministrativi, ha firmato il decreto di nomina del comitato scientifico per la sperimentazione del cosiddetto metodo Stamina. Secondo Vannoni alcuni dei componenti del comitato si era espressi già sul metodo e non potevano essere considerati imparziali. 

Tenuto conto delle note dell’Avvocatura generale dello Stato, riguardanti il riscontro alle richieste di parere in merito all’ottemperanza dell’ordinanza Tar-Lazio, ecco i nomi: Michele Baccarani, già in servizio presso l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna, Centro per lo Studio delle Cellule Staminali del Policlinico S.Orsola-Malpighi, Ospedali di Bologna, con funzioni di presidente del Comitato scientifico. Mario Boccadoro, Dipartimento di Scienze Mediche, Università degli Studi di Torino. Ana Cumano, Institut Pasteur Lymphopoiesis Unit, Parigi, Francia. – Curt R. Freed, Division of clinical Farmacology and tossicology, University of Colorado school of Medicine Mailstop, Usa. Moustapha Kassem, Odense Universitetshospital, Laboratory for Molecular Endocrinology, Odense, Danimarca. Giuseppe Leone, Università Cattolica Facoltà di Medicina e chirurgia. Sally Temple, Neural Stem Cell Institute, Rensselaer N.Y., Usa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pithovirus sibericum, ecco il virus gigante che viene dalla Siberia

prev
Articolo Successivo

Sanità: quando il medico rischia e il paziente subisce

next