La polizia postale ha oscurato una pagina web diffamatoria, un blog in cui due ragazze della Provincia di Reggio Emilia si presentavano come disponibili ad avere rapporti sessuali con chi le avesse contattate. In realtà le due giovani erano ignare di tutto. La Procura reggiana ha quindi emesso subito un decreto inviato ai provider italiani, inibendo l’accesso alla pagina incriminata. Poi gli inquirenti hanno contattato i responsabili del sito internet wordpress.com, su cui era stato creato il blog e che ha sede negli Stati Uniti d’America, per ottenere i dati di creazione del blog diffamatorio. Non appena i dati del traffico telematico arriveranno alle forze dell’ordine italiane si procederà con l’identificazione della connessione internet usata per creare il blog, e quindi con ogni probabilità, del suo utilizzatore.

Alla fine della scorsa settimana, le due minori accompagnate dai genitori si sono presentate alla sezione reggiana della Postale per segnalare appunto che un ignoto aveva creato sul sito wordpress.com il blog dove erano pubblicati i link dei loro reali profili Facebook e post fasulli recanti commenti osceni di persone che le avrebbero incontrate. Le due minorenni – ha spiegato la polizia – erano molto spaventate dalla situazione, dato che la notizia si era già sparsa nell’Istituto scolastico da loro frequentato. Di qui l’intervento immediato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Parma, nove bus da oltre 7 milioni di euro fermi al deposito: “Sono troppo lunghi”

next
Articolo Successivo

Cooperative, cosa direbbe oggi Pertini? La tesi di laurea del Presidente 90 anni dopo

next