“Tu sei di Palermo, avrai amici mafiosi, no?”. E per rispondere a questo falso mito che è nato il film di Pif La mafia uccide solo d’estate. A dircelo è stato lui stesso ieri sera, in una gremitissima sala della Camera del Lavoro di Milano.

E’ dal 2000, quando Pierfrancesco Diliberto si è trasferito a Milano per il programma Le Iene, che gli viene posta questa domanda. E lui nel frattempo se ne poneva un’altra: “Com’è che sono nato in una città in piena guerra di mafia e non ho avuto conseguenze?” La risposta è triste ed amara allo stesso tempo. Il fatto è che a Palermo, in quegli anni, si pensava che finché si ammazzavano tra di loro, e non c’era pericolo per i cittadini “buoni”, non c’erano problemi. Poi sono arrivati lo stesso.

“Abbiamo lasciato soli coloro che hanno pensato che la mafia era pericolosa anche per noi”, ci dice Pif. E così ci sono volute le grandi stragi di Capaci e via D’Amelio, una dopo l’altra, perché si prendessero provvedimenti, perché lo Stato facesse dei passi avanti per la lotta alla mafia.

Ed oggi? Oggi quando pensiamo a Falcone e Borsellino, come dei miti “allontaniamo la nostra responsabilità, invece la nostra forza è che non avevano i super poteri. Erano persone come noi e la loro forza sta nel fatto che anche io posso essere Giovanni Falcone”.

Discorso trito e ritrito, forse, quel discorso secondo il quale la mafia la sconfiggiamo solo se tutti noi facciamo il proprio dovere, ma non è mai retorica. Non lo è in questo film che ti fa ridere per tutto il tempo e alla fine emozionare, venire la pelle d’oca, piangere di fronte alla storia del nostro Paese: “Questo film fa rivivere la storia di Palermo che lotta contro la sua storia”, dirà Nando Dalla Chiesa, anche lui presente alla proiezione del film che conferma: “per sconfiggere la mafia dobbiamo avere il coraggio di lottare contro la nostra storia”. Una storia che Pif, attraverso il suo film, è riuscito a raccontare affrontando il tema della mafia e dell’antimafia “senza un briciolo di vergogna”, commenterà alla fine il magistrato Armando Spataro, moderatore dell’incontro.

E da ieri sera allora abbiamo un compito in più: non solo combatterla, ma evitare che si ripeta, la storia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caso Meredith, Sollecito e Knox condannati. Sentenza ribaltata

next
Articolo Successivo

Processo Kercher, il perché di due sentenze opposte

next