Io sono indagato per 3.300 euro. Soldi che sono stati spesi per motivi politici e di cui ho le fatture. Non sono preoccupato: se dovessi rendermi conto che la mia situazione è di ostacolo al Pd, farei un passo indietro”. Così ha dichiarato Davide Faraone, responsabile welfare e scuola del Pd, arrivando questa mattina alla sede del partito per la riunione della segreteria. “Usare soldi pubblici per fini personali – ha aggiunto Faraone – è un fatto grave da perseguire. Ho molta fiducia in magistratura e nella Guardia di Finanza. Non mi dimetto dalla segreteria”  di Manolo Lanaro

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

De Girolamo, mozione di sfiducia M5s. Alfano: “Convinto che saprà spiegare”

next
Articolo Successivo

Legge elettorale, Casaleggio boccia Renzi: “Proposte astratte e incostituzionali”

next