A dieci giorni esatti dalla partenza da Cape Town, avvenuta il 4 gennaio, Maserati naviga a 16 nodi di velocità a 180 miglia di distanza da Rio de Janeiro, meta della Cape2Rio Yacht Race.

Per battere il record della più lunga regata tra due continenti dell’emisfero sud (3.300 miglia nautiche), appartenente a Zephyrus IV, un maxi americano di 74 piedi che nel 2000 ha compiuto il percorso in 12 giorni, 16 ore e 49 minuti, Maserati dovrà arrivare a Rio de Janeiro entro le 4 del mattino GMT del 17 gennaio.

Le previsioni meteo danno vento costante sui 15 nodi fino a 60 miglia da Rio de Janeiro. Poi vento instabile e in calo. L’arrivo di Maserati è previsto all’alba del 15 gennaio.

Durante la regata aggiornamenti continui con video e immagini provenienti da bordo e cartografia con posizioni di Maserati in tempo reale su www.maserati.soldini.it  e sui social network: Facebook (Giovanni Soldini Pagina Ufficiale, più di 28.700 amici), Twitter @giovannisoldini (più di 122.000 follower).

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Eccidio nazista, inchiesta in Francia. Tra 642 vittime coppia e 7 bambini italiani

next
Articolo Successivo

Carceri, detenuto scrive a Napolitano: “Preferisco eutanasia a morte in cella”

next