Una perizia psichiatrica per valutare il pericolo di recidiva. L’ha disposta, a quanto si apprende, nei confronti di Annamaria Franzoni il Tribunale di Sorveglianza di Bologna, che ha così rinviato la decisione sulla richiesta di detenzione domiciliare avanzata dalla difesa della donna in carcere per l’omicidio del figlio Samuele. Una nuova udienza è stata fissata a gennaio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Case popolari alle coppie gay, il Pd si astiene e la proposta è bocciata

next
Articolo Successivo

Forconi, poliziotto Ugl: “Pronto a togliermi il casco e manifestare con i cittadini”

next