Immaginava già quale sarebbe stata la risposta, per questo è entrato nella filiale dell’istituto con una piccola tanica di benzina nascosta sotto il giaccone. E quando il direttore della Veneto Banca gli ha negato il mutuo, il 69enne ha fatto uscire i dipendenti, ha cosparso i mobili dell’ufficio di combustibile e ha appiccato il fuoco. E’ successo intorno alle 10 nella filiale della banca a Brescia, in via Gambara, davanti al palazzo di Giustizia.

Quando le fiamme sono divampate, il direttore è scappato in strada riuscendo a fermare una volante della polizia che ha arrestato l’uomo, originario di Caserta. I Vigili del Fuoco hanno spento l’incendio, che ha danneggiato seriamente la sede. Non ci sono feriti, ma l’uomo è stato portato all’ospedale per un malore. Secondo una prima ricostruzione il 69enne, già nei giorni scorsi, si sarebbe visto negare le fidejussioni bancarie per un mutuo precedentemente acceso, il debito che aveva con la banca ammontava a circa centomila euro. Al momento l’accusa che gli viene rivolta è incendio doloso, ma si stanno valutando altre ipotesi di reato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Forconi, una protesta che non stiamo capendo?

prev
Articolo Successivo

Forconi: poliziotti che si tolgono il casco, un gesto perfetto

next