Senza il defunto Porcellum e il mostruoso premio di maggioranza, marchiato “incostituzionale” dai giudici, in 148 deputati (126 del Pd, 13 di Sel, 7 del Cd, 2 Svp) non sarebbero entrati a Montecitorio: con uno scarto decimale sul centrodestra, il Partito Democratico ottenne il 55% dei seggi su 630. Il Quirinale e la Consulta, proprio ieri con il presidente Silvestri, ribadiscono all’unisono: il Parlamento è legittimo. Il Movimento Cinque Stelle e Forza Italia, che desiderano votare subito, chiedono le dimissioni dei 148. La Giunta per le Elezioni di Montecitorio non ha ancora convalidato i 148 eletti contestati (leggi l’articolo) e gran parte dei 630. Pura forma. Come precisa il presidente Giuseppe D’Ambrosio, il Parlamento resta com’è, anche se i 148 “sono precari al pari dei cittadini”. Nel gruppo c’è pure Roberto Giachetti, che da sempre , e da mesi con uno sciopero della fame, contesta la porcata. E poi ci sono l’economista di Renzi, Gutgeld e il fondatore di Centro Democratico, Bruno Tabacci. Proprio il Cd permise al Pd di conquistare il premio.

Nome per nome, divisi per circoscrizioni: ecco chi sono:
 

Piemonte 1: Andrea Giorgis, Antonio Boccuzzi, Silvia Fregolent, Umberto D’Ottavio, Davide Mattiello (Pd), Celeste Costantino (Sel). Piemonte 2: Cristina Bargero, Franca Biondelli, Francesco Bonifazi, Gianluca Benamati, Chiara Gribaudo (Pd). Lombardia 1: Eleonora Cimbro, Paolo Cova, Fabrizia Giuliani, Ezio Primo Casati, Roberto Rampi, Daniela Matilde Maria Gasperini, Ernesto Cabone, Pia Elda Locatelli, Simona Flavia Malpezzi (Pd), Daniele Farina (Sel). Lombardia 2: Maria Chiara Gadda, Ermete Realacci, Marina Berlinghieri, Giuseppe Guerini, Sandro Gozi, Mauro Guerra, Gian Mario Fragomeli, Angelo Senaldi, Guido Galperti (Pd), Luigi Lacquaniti (Sel). Lombardia 3: Rosa Maria Villecco Calipari, Chiara Scuvera, Giovanna Martelli (Pd), Franco Bordo (Sel).

Trentino Altro Adige: Michele Nico-letti (Pd), Florian Kronbichler (Sel), Mauro Ottobre, Manfred Schullian (Svp). Veneto 1: Gian Pietro Dal Moro, Diego Crivellari, Daniela Sbrollini, Anna Margherita Miotto, Vincenzo D’Arienzo, Filippo Crimì, Alessia Rotta (Pd). Veneto 2: Floriana Casellato, Roger De Menech, Oreste Pastorelli, Sara Moretto (Pd), Giulio Marcon (Sel). Friuli Venezia Giulia: Tamara Blazina, Paolo Coppola (Pd), Serena Pellegrino (Sel). Liguria: Raffaella Mariani, Marco Meloni, Mara Carocci, Luca Pastorino, Franco Vazio (Pd). Emilia Romagna: Maino Marchi, Sandra Zampa, Tiziano Arlotti, Giuditta Pini, Paolo Bolognesi, Paolo Gandolfi, Michele Anzaldi, Davide Baruffi, Manuela Ghizzoni, Vanna Iori (Pd), Giovanni Paglia (Sel). Toscana: Maria Elena Boschi, Filippo Fossati, Luigi Dallai, David Ermini, Paolo Beni, Silvia Velo, Edoardo Fanucci, Federico Gelli (Pd), Bruno Tabacci (Cd).

Umbria: Anna Ascani, Walter Verini (Pd). Marche: Irene Manzi, Luciano Agostino, Piergiorgio Carrescia, Paolo Petrini, Alessia Morani (Pd). Lazio 1: Renzo Carella, Roberto Giachetti, Marco Miccoli, Maria Coscia, Francesco Saverio Garofani, Lorenza Bonaccorsi, Monica Gregori, Marco Di Stefano, Andrea Ferro (Pd), Ileana Cathia Piazzoni (Sel). Lazio 2: Fabio Melilli, Sesa Amici, Pierdomenico Martino, Alessandra Terrosi (Pd). Abruzzo: Itzhak Yoram Gutgeld, Vittoria D’Incecco (Pd), Generoso Melilla (Sel). Molise: Laura Venittelli (Pd). Campania 1: Leonardo Impegno, Guglielmo Vaccaro, Giovanna Palma, Massimo Paolucci, Massimiliano Manfredi, Giorgio Piccolo (Pd), Arturo Scotto (Sel), Aniello Formisano (Cd). Campania 2: Picierno Pina, Tino Iannuzzi, Luigi Famiglietti, Sabrina Capozzolo, Khalid Chaouki (Pd), Giancarlo Giordano (Sel).

Puglia: Dario Ginefra, Gero Grassi, Alberto Losacco, Ivan Scalfarotto, Elisa Mariano, Colomba Mongiello (Pd), Donatella Duranti, Arcangelo Sannicandro (Sel), Pino Pisicchio (Cd). Basilicata: Maria Antezza (Pd), Antonio Placido (Sel). Calabria: Ernesto Magorno, Bruno Censore, Nicodemo Nazzareno Oliviero, Stefania Covello (Pd), Franco Bruno (Cd). Sicilia 1: Daniela Cardinale, Teresa Piccione, Francesco Ribaudo, Antonino Moscatt, Maria Iacono (Pd). Sicilia 2: Luisella Albanella, Maria Tindara Gullo, Giovanni Mario Salvino Burtone, Sofia Amoddio (Pd), Carmelo Lo Monte (Cd). Sardegna: Caterina Pes, Gian Piero Scanu, Francesco Sanna, Siro Marrocu (Pd).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni, vincerle è questione di dati

next
Articolo Successivo

Legge elettorale: si dimetta Calderoli e i suoi ‘complici’

next