Senza il defunto Porcellum e il mostruoso premio di maggioranza, marchiato “incostituzionale” dai giudici, in 148 deputati (126 del Pd, 13 di Sel, 7 del Cd, 2 Svp) non sarebbero entrati a Montecitorio: con uno scarto decimale sul centrodestra, il Partito Democratico ottenne il 55% dei seggi su 630. Il Quirinale e la Consulta, proprio ieri con il presidente Silvestri, ribadiscono all’unisono: il Parlamento è legittimo. Il Movimento Cinque Stelle e Forza Italia, che desiderano votare subito, chiedono le dimissioni dei 148. La Giunta per le Elezioni di Montecitorio non ha ancora convalidato i 148 eletti contestati (leggi l’articolo) e gran parte dei 630. Pura forma. Come precisa il presidente Giuseppe D’Ambrosio, il Parlamento resta com’è, anche se i 148 “sono precari al pari dei cittadini”. Nel gruppo c’è pure Roberto Giachetti, che da sempre , e da mesi con uno sciopero della fame, contesta la porcata. E poi ci sono l’economista di Renzi, Gutgeld e il fondatore di Centro Democratico, Bruno Tabacci. Proprio il Cd permise al Pd di conquistare il premio.

Nome per nome, divisi per circoscrizioni: ecco chi sono:
 

Piemonte 1: Andrea Giorgis, Antonio Boccuzzi, Silvia Fregolent, Umberto D’Ottavio, Davide Mattiello (Pd), Celeste Costantino (Sel). Piemonte 2: Cristina Bargero, Franca Biondelli, Francesco Bonifazi, Gianluca Benamati, Chiara Gribaudo (Pd). Lombardia 1: Eleonora Cimbro, Paolo Cova, Fabrizia Giuliani, Ezio Primo Casati, Roberto Rampi, Daniela Matilde Maria Gasperini, Ernesto Cabone, Pia Elda Locatelli, Simona Flavia Malpezzi (Pd), Daniele Farina (Sel). Lombardia 2: Maria Chiara Gadda, Ermete Realacci, Marina Berlinghieri, Giuseppe Guerini, Sandro Gozi, Mauro Guerra, Gian Mario Fragomeli, Angelo Senaldi, Guido Galperti (Pd), Luigi Lacquaniti (Sel). Lombardia 3: Rosa Maria Villecco Calipari, Chiara Scuvera, Giovanna Martelli (Pd), Franco Bordo (Sel).

Trentino Altro Adige: Michele Nico-letti (Pd), Florian Kronbichler (Sel), Mauro Ottobre, Manfred Schullian (Svp). Veneto 1: Gian Pietro Dal Moro, Diego Crivellari, Daniela Sbrollini, Anna Margherita Miotto, Vincenzo D’Arienzo, Filippo Crimì, Alessia Rotta (Pd). Veneto 2: Floriana Casellato, Roger De Menech, Oreste Pastorelli, Sara Moretto (Pd), Giulio Marcon (Sel). Friuli Venezia Giulia: Tamara Blazina, Paolo Coppola (Pd), Serena Pellegrino (Sel). Liguria: Raffaella Mariani, Marco Meloni, Mara Carocci, Luca Pastorino, Franco Vazio (Pd). Emilia Romagna: Maino Marchi, Sandra Zampa, Tiziano Arlotti, Giuditta Pini, Paolo Bolognesi, Paolo Gandolfi, Michele Anzaldi, Davide Baruffi, Manuela Ghizzoni, Vanna Iori (Pd), Giovanni Paglia (Sel). Toscana: Maria Elena Boschi, Filippo Fossati, Luigi Dallai, David Ermini, Paolo Beni, Silvia Velo, Edoardo Fanucci, Federico Gelli (Pd), Bruno Tabacci (Cd).

Umbria: Anna Ascani, Walter Verini (Pd). Marche: Irene Manzi, Luciano Agostino, Piergiorgio Carrescia, Paolo Petrini, Alessia Morani (Pd). Lazio 1: Renzo Carella, Roberto Giachetti, Marco Miccoli, Maria Coscia, Francesco Saverio Garofani, Lorenza Bonaccorsi, Monica Gregori, Marco Di Stefano, Andrea Ferro (Pd), Ileana Cathia Piazzoni (Sel). Lazio 2: Fabio Melilli, Sesa Amici, Pierdomenico Martino, Alessandra Terrosi (Pd). Abruzzo: Itzhak Yoram Gutgeld, Vittoria D’Incecco (Pd), Generoso Melilla (Sel). Molise: Laura Venittelli (Pd). Campania 1: Leonardo Impegno, Guglielmo Vaccaro, Giovanna Palma, Massimo Paolucci, Massimiliano Manfredi, Giorgio Piccolo (Pd), Arturo Scotto (Sel), Aniello Formisano (Cd). Campania 2: Picierno Pina, Tino Iannuzzi, Luigi Famiglietti, Sabrina Capozzolo, Khalid Chaouki (Pd), Giancarlo Giordano (Sel).

Puglia: Dario Ginefra, Gero Grassi, Alberto Losacco, Ivan Scalfarotto, Elisa Mariano, Colomba Mongiello (Pd), Donatella Duranti, Arcangelo Sannicandro (Sel), Pino Pisicchio (Cd). Basilicata: Maria Antezza (Pd), Antonio Placido (Sel). Calabria: Ernesto Magorno, Bruno Censore, Nicodemo Nazzareno Oliviero, Stefania Covello (Pd), Franco Bruno (Cd). Sicilia 1: Daniela Cardinale, Teresa Piccione, Francesco Ribaudo, Antonino Moscatt, Maria Iacono (Pd). Sicilia 2: Luisella Albanella, Maria Tindara Gullo, Giovanni Mario Salvino Burtone, Sofia Amoddio (Pd), Carmelo Lo Monte (Cd). Sardegna: Caterina Pes, Gian Piero Scanu, Francesco Sanna, Siro Marrocu (Pd).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni, vincerle è questione di dati

prev
Articolo Successivo

Legge elettorale: si dimetta Calderoli e i suoi ‘complici’

next