L’assessore regionale alle Politiche per la salute della Regione Emilia Romagna, Carlo Lusenti, e un altro dirigente regionale sono indagati per il reato di falso. L’inchiesta della Procura di Bologna è stata aperta in seguito all’esposto di Hesperia Hospital, struttura modenese che aveva denunciato presunte irregolarità nell’attribuzione di fondi nel sistema dell’accreditamento sanitario. “Un atto doveroso e ci permetterà di chiarire definitivamente quanto più volte ribadito”, questa è stata la prima reazione dell’assessore Lusenti.  “Si tratta di attività preliminari, doverose e finalizzate esclusivamente ad accertare quanto riferito nella denuncia della quale avevano trattato gli organi di stampa”. Lo ha detto il procuratore aggiunto della Procura di Bologna Valter Giovannini.

La Regione Emilia Romagna, puntualizza ancora l’assessore nella nota, “non attribuisce budget alle singole case di cura accreditate, né compra prestazioni da un ospedale privato piuttosto che da un altro. Le nostre procedure – continua Lusenti – sono chiare e trasparenti: esiste un budget complessivo stanziato dalla Regione, che viene definito per tipologia di prestazioni da produrre in base al fabbisogno. Tutto il resto – chiosa – è falso, come sarà facilmente appurabile”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Parma, Pizzarotti e la Provincia verso la privatizzazione del trasporto pubblico

prev
Articolo Successivo

Imola, evacuata stazione per temuta fuga di gas. Ma erano liquami

next