Nuovo crollo negli scavi archeologici dei siti vesuviani. Nella notte tra giovedì 21 e venerdì 22 novembre a cedere è stato il tetto della preziosa domus dell’Atrio Corinzio di Ercolano. Questa volta però la colpa non sembra essere dell‘incuria, ma del maltempo che in questi giorni si è abbattutto sulla zona. A causarlo sarebbero state le forti raffiche di vento dei giorni scorsi che hanno fatto crollare le travi in legno che dal muro esterno del peristilio poggiavano sulle quattro colonne dell’antica dimora, nonostante la copertura fosse appena stata restaurata.

Ad accorgersene è stato un custode venerdì mattina alle 7 e 30. Fortunatamente, come accadde già a Pompei, il fatto è avvenuto di notte, a scavi chiusi, evitando che le grosse travi cadessero sui turisti in visita.  L’antica Ercolano è sotto la stessa Soprintendenza di Pompei, distante appena sedici chilometri, ma a differenza di quest’ultima – dove si è registrato il crollo di un muro appena venti giorni fa – la conservazione e gli interventi di restauro sono un vanto del patrimonio culturale vesuviano. Il sito è oggetto di studio come best practice nella gestione delle aree archeologiche.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Latina, la mangiatoia del cuore nero tra criminalità organizzata e potentati politici

prev
Articolo Successivo

Camorra, denunciò i clan. La famiglia lo lascia solo, lo Stato non lo risarcisce

next