Stefania Rossini si è trovata per caso e non per sua volontà, come scrive nel suo blog, a fare la casalinga. Si è cosi reinventata una nuova quotidianità nella quale cerca di autoprodursi tutto quello del quale necessita per lei, il marito e i suoi tre bambini. Dal blog è stata poi ospite di alcune trasmissioni televisive, in Italia e all’estero, ed ha inoltre realizzato un suo sogno: scrivere un libro per condividere la sua esperienza. Scopri la sua storia completa e quelle di altre persone che hanno intrapreso la via del cambiamento nel libro “Io Faccio Così”, edito da Chiarelettere  di Daniel Tarozzi e Paolo Cignini

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Amianto all’Olivetti, gli operai di Ivrea: “Così si sono ammalate le vittime”

prev
Articolo Successivo

Vendola, Fazio vs Fatto: “Uno schifo pubblicare intercettazioni non doverose”

next