Nell’eurozona è necessario crescere attraverso l’esportazione. Al momento ci riesce solo la Germania e per Fassina questa linea è insostenibile. E, dopo aver bocciato Beppe Grillo e le sue proposte (“Due più due fa quattro, non può fare cinque”), sottolinea: “Se non ci saranno segnali chiari il 1 luglio 2014, quando inizierà il semestre di presidenza europea dell’Italia, dovremo rivedere tutti i nostri piani”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Bagnai: “Sull’Iva ha ragione Fassina e non Grillo”

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, studente London School vs Bagnai: “I Fondamentali Macroeconomici ve li siete magnati tutti”

next