Ci sono due nuovi indagati per l’esplosione, provocata dal gas, del furgone-rosticceria al mercato di Guastalla che il 9 marzo provocò la morte di madre, figlia e cognata, che lavoravano nella struttura ambulante, e il ferimento del capo famiglia e titolare, Francesco Mango, 55 anni, gravemente ustionato e indagato dalla Procura per omicidio colposo plurimo, lesioni colpose plurime, disastro colposo e incendio colposo. Ora nel mirino del Pm ci sono un benzinaio e chi costruì il mezzo. Nell’esplosione morirono Teresa Montagna, 49 anni, la figlia Rossana, di 27, e la cognata Bianca Maria Montagna, 43. Undici i feriti, tra cui Francesco Mango, che fu ricoverato nel reparto rianimazione dell’ospedale di Parma, e quattro trasportati al centro grandi ustionati del Maggiore. Tra gli altri ustionati, un 69enne di San Marino di Guastalla, Alfio Sessi, giudicato guaribile in trenta giorni e morto il 5 agosto: si era ripreso fisicamente, ma la tragedia l’aveva profondamente provato.

Il titolare del distributore – riferisce la ‘Gazzetta di Reggio – è stato indagato perché le bombole ad uso domestico, con cui veniva alimentata nei mercati la rosticceria, erano ‘caricate abitualmente con gpl da autotrazione, con vantaggio economico ma anche con la possibilità che la diversa composizione chimica del gas possa aver causato un’usura impropria della valvola di sicurezza di qualcuna delle bombole. Per quanto riguarda il costruttore, una ditta di Brescia, gli accertamenti si sarebbero focalizzati sul vano che accoglieva le bombole, dotato di riscaldamento; i dubbi degli inquirenti sarebbero sulla conformità del riscaldamento alle normative.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Public money: “650mila euro spesi per una manifestazione sull’ambiente di 5 giorni”

prev
Articolo Successivo

Caso Innocenzi, cari commentatori irritati del blog…

next