Viene il tecnico della lavatrice.

La lavatrice è da buttare ma sono 30 euro per la chiamata.

Pago 30 euro e gli chiedo la ricevuta.

“Allora sono 37 euro

Ed io: “Non esiste, al telefono mi avevano detto 30 euro, non 37″

“Signorina è il prezzo dell’Iva. Chiamata e Iva, 37, solo chiamata 30″.

Ho cominciato a urlargli contro dicendo che non ne posso più di queste situazioni, che è inaccettabile.

Lui mi guarda imbarazzato e arrossito e sussurra timidamente: “Signorì me dispiace, ma nun sono io che faccio li prezzi!”.

A quel punto ho cominciato a piangere di rabbia.

Nel vedermi distrutta, si è avvicinato a me, mi ha abbracciata e ha pianto anche lui.

Dopo un pianto di qualche minuto, nello stesso medesimo istante ci rendiamo conto dell’assurdità della situazione e, ricomponendoci, ci salutiamo formalmente:

Arrivederci“. 

Arrivederci“.

E se ne esce con 30 euro nelle tasche lasciandomi sola, senza ricevuta e con la lavatrice da cambiare.

Solitamente una single di 30 anni l’idraulico se lo tromba. Io ci piango.

(da “Una genovese a Roma”. Illustrazione di Lydia Giordano)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giornata contro violenza su donne: sciopero, outing e giustizia

prev
Articolo Successivo

Quanto un palo può cambiarti la vita

next