Viene il tecnico della lavatrice.

La lavatrice è da buttare ma sono 30 euro per la chiamata.

Pago 30 euro e gli chiedo la ricevuta.

“Allora sono 37 euro

Ed io: “Non esiste, al telefono mi avevano detto 30 euro, non 37″

“Signorina è il prezzo dell’Iva. Chiamata e Iva, 37, solo chiamata 30″.

Ho cominciato a urlargli contro dicendo che non ne posso più di queste situazioni, che è inaccettabile.

Lui mi guarda imbarazzato e arrossito e sussurra timidamente: “Signorì me dispiace, ma nun sono io che faccio li prezzi!”.

A quel punto ho cominciato a piangere di rabbia.

Nel vedermi distrutta, si è avvicinato a me, mi ha abbracciata e ha pianto anche lui.

Dopo un pianto di qualche minuto, nello stesso medesimo istante ci rendiamo conto dell’assurdità della situazione e, ricomponendoci, ci salutiamo formalmente:

Arrivederci“. 

Arrivederci“.

E se ne esce con 30 euro nelle tasche lasciandomi sola, senza ricevuta e con la lavatrice da cambiare.

Solitamente una single di 30 anni l’idraulico se lo tromba. Io ci piango.

(da “Una genovese a Roma”. Illustrazione di Lydia Giordano)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giornata contro violenza su donne: sciopero, outing e giustizia

next
Articolo Successivo

Quanto un palo può cambiarti la vita

next