“L’amianto uccide 4 mila persone ogni anno”. E’ la denuncia di Fulvio Aurora, coordinatore Associazione italiani esposti all’amianto. Cittadini e associazioni hanno manifestato a Montecitorio fissando alcune priorità alla politica: fondo per le vittime dell’amianto, messa in sicurezza e bonifiche delle aree inquinate, estensione dei benefici previdenziali a coloro che non hanno fatto in tempo la domanda. Priorità che possono trovare una risposta in proposte di legge, già presentate, in attesa dell’esame dell’aula. La manifestazione di oggi ha vissuto alcuni momenti di tensione quando i familiari delle vittime della tragedia di Viareggio, che hanno aderito alla giornata contro l’amianto, avevano srotolato gli striscioni in uno spazio non autorizzato e sono stati bloccati dalle forze dell’ordine presenti. Le telecamere de ilfattoquotidiano.it hanno immortalato anche un gestaccio di un funzionario che ha mostrato le corna ad una cittadina che protestava contro l’intervento degli agenti. Allontanamento che ha provocato la protesta accesa e il pianto di una delle dell’associazione parenti vittime di Viareggio  di Nello Trocchia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Te la do io l’Onu/18 – Acqua rara nell’autunno caldo

prev
Articolo Successivo

Sanità: da domani i malati non saranno più tutti uguali? Una prima vittoria

next