Michele Santoro apre la nuova puntata di “Servizio Pubblico”, commentando il discorso del premier Enrico Letta in Parlamento per la richiesta di fiducia. E rivolgendosi a lui, menziona Giorgio Gaber: “Io non mi sento italiano ma per fortuna o purtroppo lo sono”. Il giornalista affronta anche la terribile tragedia di Lampedusa e chiede polemicamente: Con quale credibilità possiamo chiedere aiuto all’Europa, noi che siamo il Paese di Bossi? Gli immigrati per i governi passati sono sempre stati dei problemi”. E aggiunge: “cosa sono stati questi immigrati? Un problema da scaricare sulla gente locale. E la politica non ha fatto niente”. E infine l’invito a Enrico Letta: “Le auguro un buon lavoro determinato. Faccia quello che deve fare, si scelga una legge elettorale e si torni a votare. Che in fondo tocca agli italiani decidere dove si va”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, la giornata convulsa del Pdl prima della fiducia

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Mauro: “Il dramma Lampedusa una sconfitta per l’Italia”

next