Ho chiesto a tutte le deputate e i deputati di venire in aula con qualcosa di rosso in occasione del dibattito alla Camera del decreto contro il femminicidio. Il rosso, infatti, è il simbolo internazionalmente riconosciuto per dire basta alla violenza contro le donne, fisica, psicologica e verbale. E’ un piccolo gesto, ma un grande segnale, così come è un segnale questo decreto che finalmente porta il tema della violenza contro le donne da una sfera privata a una sfera  pubblica. È il simbolo di una nuova attenzione e di una nuova sensibilità di cui va dato atto al governo.

So bene che questo decreto non è quello che avremmo desiderato, ma so anche che un mezzo bene è meglio di nessun bene. Nel corso del dibattito in commissione Giustizia abbiamo lavorato per portare dei miglioramenti al decreto, anche grazie ai suggerimenti e alle indicazioni delle associazioni femminili che sono le vere esperte in materia, quelle che da anni si occupano di violenza sulle donne. Qualcosa di buono è stato fatto, molto c’è ancora da fare. Un primo passo positivo è stato quello di aver ottenuto delle risorse per far sì che il provvedimento non resti lettera morta perché nessuna riforma può essere a costo zero.

Restano delle preoccupazioni. Una legge che punti soprattutto sull’aspetto punitivo non risolve il problema: la nostra priorità non è che gli assassini vadano in galera, (certo che ci devono andare) ma che non vi siano più femminicidi e violenze sulle donne.

Da qui la necessità di stanziare maggiori risorse per sviluppare politiche di prevenzione, per sostenere servizi e centri antiviolenza e per svolgere un’azione educativa che parta dalle scuole e che non trascuri nessun aspetto a cominciare dal linguaggio che non deve essere sessista. E’ un lavoro lungo, faticoso, che porterà a risultati certi, ma non immediati. Forse per questo si è voluta dare una maggiore enfasi a provvedimenti di effetto come i braccialetti elettronici per i molestatori.

Qualunque legge, però, diventa inutile se non si riesce a farla rispettare e i recenti femminicidi, quasi sempre preceduti da una o più denunce da parte delle vittime, dimostrano che anche in presenza di una precisa richiesta di aiuto non siamo stati in grado di dare risposte.

La violenza sulle donne è qualcosa che riguarda tutti: noi parlamentari che dobbiamo fare una buona legge, le forze dell’ordine che devono svolgere il fondamentale ruolo di protezione e prevenzione, i giudici che devono svolgere i processi senza colpevolizzare le vittime, ed emettere le sentenze  di condanna, e le cittadine e i cittadini, che hanno il compito di educare le proprie figlie a non subire e i propri figli al rispetto, e il dovere di non voltarsi quando vedono una donna ingiuriata o malmenata.

Iniziamo noi in Parlamento con qualcosa di rosso per dire basta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Violenza sulle donne, come parlarne agli uomini

next
Articolo Successivo

La violenza non è un problema di coppia

next