L’altro ieri a Torino, i rappresentanti sindacali aziendali (Rsa) della Fiom hanno volantinato fuori dallo stabilimento Fiat di Mirafiori per annunciare il loro ritorno in fabbrica agli operai del reparto carrozzeria. Dopo la sentenza della Corte Costituzionale del 23 luglio, i delegati Fiom potranno tornare a svolgere l’attività sindacale all’interno dello stabilimento che oggi vive un momento difficile. Degli oltre 5.500 addetti alle carrozzerie, in 1.500 lavorano mediamente tre giorni al mese, mentre gli altri da oltre un anno sono rimasti a casa. Intanto l’ad della Fiat, Sergio Marchionne, ha promesso un miliardo di euro di investimenti a Mirafiori per produrre il suv della Maserati che sarà messa sul mercato nella prima parte del 2015, con l’assicurazione che un secondo modello arriverà a data da destinarsi. Di questo e dei risvolti politici-sociali ed economici ne parliamo in diretta streaming dagli studi del FattoTv con Stefano Feltri (il Fatto Quotidiano), Nanni Balestrini (scrittore, tra i fondatori di Potere operaio, membro del Gruppo ‘63 e autore del libro ”Vogliamo tutto” del 1971) e Mimmo Calopresti (regista, attore e ora scrittore con la pubblicazione del suo primo romanzo “Io e l’avvocato. Storia dei nostri padri“). Per Twitter gli hashtag sono: #FattoTv #operai #Tuttipoveri

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Telecom, il governo potrebbe intervenire ma fa lo struzzo

prev
Articolo Successivo

FattoTv, Balestrini: “Operai in via d’estinzione? E’ il lavoro ad essersi estinto”

next